Social Media Marketing: 5 errori da evitare

Posted by | 8 giugno 2017 | Comunicazioni, Senza categoria, Social, Web | No Comments

Social Media Strategy

Inserire i Social Media nei piani di marketing aziendali sembra ormai inevitabile, uno dei modi più rapidi per avere un contatto diretto con i clienti. Usare i social in modo improprio e inconsapevole potrebbe però generare danni all’immagine dell’azienda e provocare crisi irreparabili. Quali sono i primi 5 errori da evitare?

 
1. Content Strategy
I contenuti creano conversazioni, con cui si costruiscono relazioni per arrivare alle conversioni. Prima di iniziare a pubblicare contenuti sui social, occorre una strategia ben precisa: quali sono gli obiettivi che si vogliono raggiungere nel breve periodo e nel medio/lungo? Quali sono le risorse a vostra disposizione?

Aprire un account social senza prendersene cura e senza una visione d’insieme non porta frutti. Importante è creare una community forte, che collabori al raggiungimento di tutti gli obiettivi prefissati a monte della strategia.

 
2. La community non equivale al numero di fan
A volte per aumentare i like alla pagina si arriva a dei trucchetti beceri, come l’acquisto di pacchetti di utenti fake.

Il funnel di conversione (il processo per cui un utente passa da semplice visitatore della pagina all’attività, per esempio effettuando un acquisto) però non si lascia impressionare dal numero dei fan: per trasformarli in lead (persone interessate al prodotto) e clienti veri e propri bisogna saper gestire la community e portarla a compiere un’azione, che può essere l’iscrizione ad una newsletter o un acquisto, in un  e-commerce o in un negozio fisico.

Il Social Media Marketing inoltre permette di realizzare interazioni dirette tra l’azienda e i clienti, è necessario che queste vengano ascoltate e rilevate dai social media manager. Spesso sono proprio le proposte avanzate dalla community a far emergere idee innovative o cruciali per l’impresa.

 
3. Conoscenza e sincerità
Riuscire a identificare il proprio pubblico è fondamentale per stabilire un rapporto. Bisogna fare uno sforzo di personalizzazione, non lanciando semplicemente dei messaggi pubblicitari. L’impegno è quello di creare un legame, mostrando che i valori e gli interessi del brand sono in linea con quelli dei fan, tratteggiando una storia comune. Per questo lo storytelling per incrementare la brand-awareness deve essere previsto in fase in iniziale, è un passaggio fondamentale.

 
4. Overposting e Going Silent
Questi due comportamenti sono assolutamente da evitare. Sono tipici di chi, sull’onda dell’entusiasmo, riempie i propri account social di troppe informazioni e troppi post, oppure, al contrario, non presta più attenzione né alle possibili interazioni degli utenti, né aggiorna la pagina con nuovi contenuti. 

Un consiglio per battere la concorrenza in un mercato sempre più affollato è pubblicare contenuti pertinenti e interessanti. Gli utenti preferiscono la qualità; gli addetti ai lavori dovrebbero tenere conto di questo aspetto, lavorando maggiormente sulla qualità dei post, piuttosto che sulla quantità.

 
5. Prevedere del budget per Adv
Ottenere molto traffico organico esclusivamente grazie a una content strategy ben congeniata e un piano editoriale strutturato, purtroppo non è più possibile.

Dal cambiamento degli algoritmi di Facebook nel 2016, per  avere visibilità le pagine aziendali devono investire dei soldi in Adv e sponsorizzare qualche post. Come e Quanto? Dipende ovviamente dalla strategia e dai risultati che si vogliono ottenere.

 

Questi consigli non bastano? Approcciare correttamente una strategia “fai-da-te” di social media marketing può essere più complesso del previsto. Per evitare di vanificare gli sforzi fatti internamente o (peggio) di ottenere un effetto fail, rivolgetevi a dei professionisti per strutturare strategie studiate ad hoc.

hai domande ?
vuoi richiedere informazioni ?
clicca qui

McStudio ti informa

Il sito utilizza cookie propri e di terze parti per offrirti un servizio in linea con le preferenze da te manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Se vuoi saperne di più o negare il consenso ai cookie, clicca qui. Se prosegui nella navigazione selezionando un elemento del sito, acconsenti all'uso dei cookie.