Comunicare emozioni: la psicologia dei colori

By Febbraio 10, 2021Strategia
Psicologia dei colori

Comunicare emozioni: la psicologia dei colori

Psicologia dei colori

I colori non vanno sottovalutati: sono strumenti forti e molto utili all’interno di una strategia di comunicazione

I colori sono uno dei più potenti strumenti di comunicazione: hanno la capacità di influenzare le risposte psicologiche ed emotive di un utente. Il motivo è presto detto: la mente delle persone crea spesso un collegamento con oggetti colorati, in quanto esiste una componente evolutiva che ci porta ad agire in base a scelte cromatiche.

Colori e mercato di riferimento

Prima di qualsiasi operazione di comunicazione e marketing, occorre documentarsi a fondo e conoscere la cultura del mercato di riferimento. Alcuni colori hanno infatti un significato universale, mentre per altri il significato varia da paese a paese.

Ad esempio, tutti i paesi del mondo utilizzano il rosso come segnale per fermarsi mentre il verde viene usato per partire.

Un altro esempio interessante è quello del bianco e del nero: nella cultura occidentale, il bianco è associato alla purezza, viene utilizzato spesso per i vestiti da sposa tradizionale; in molte culture asiatiche, il bianco è associato alla morte.

Sapere quali sono i colori più apprezzati e quali emozioni evocano è quindi molto utile.

Il colore più popolare 
 al mondo è sicuramente il blu, scelto da molti marchi grazie al suo effetto calmante.

Ecco i colori principali con i rispettivi significati generici:

  • Rosso: amore, passione, pericolo, eccitazione
  • Arancione: energia, vitalità, cambiamento
  • Giallo: ottimismo, allegria, gioia,
  • Verde: freschezza, abbondanza, natura, segnale di via libera,
  • Blu: affidabilità, sicurezza
  • Viola: creatività, mistero, spiritualità
  • Nero: potere, esclusività, eleganza
  • Bianco: semplicità, modernità, innocenza

La regola 60-30-10

I colori sono importanti nelle attività di comunicazione ma anche e soprattutto per logo e materiale coordinato. Secondo la regola “60-30-10” per il tuo progetto dovresti utilizzare tre colori principali:

  •  un colore per il 60% dello spazio visivo (generalmente un colore neutro: bianco, grigio o nero);
  • il 30% con il colore principale del brand;
  • il 10% un colore vivace, spesso un colore luminoso, in altre parole una tinta che “stacca” visivamente rispetto al resto della tavolozza.

Il nostro consiglio? Ragiona sempre a priori su quali valori vuoi veicolare e sfrutta un colore specifico per rafforzare il messaggio del tuo brand.

Ad esempio se proponi un’app per meditare, evita il colore rosso che aumenta il battito cardiaco e invita (solitamente) le persone ad agire.

Ti ha interessato l’argomento dell’articolo?

Puoi iscriverti alla nostra newsletter per ricevere i nostri articoli sulla tua email!

Iscriviti ora!